grande naruto

il bellissimo sito di naruto dv parleremo e ci divertiremo venita a trovarci puoi vedere direttamente le puntate di naruto shippuden nel forum


Non sei connesso Connettiti o registrati

Tobi ALBA

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Tobi ALBA il Mer Lug 30, 2008 1:46 pm

madara

avatar
Admin
Admin
Apparentemente è la persona dietro alle azioni di Alba; tuttavia si rivolge a Pain come al "loro capo" (riferito ad Alba), come se in realtà fosse qualcuno di esterno all'organizzazione. Tuttavia dà ordine a Pain di affrontare Naruto per catturare la Volpe a Nove code[143]. Porta sempre una maschera arancione, con un foro in corrispondenza dell'occhio destro, la cui superficie è spiraleggiante verso il foro stesso;[144] inizialmente il ninja si finge uno dei subordinati di Zetsu, facendogli da compagno, sperando di divenire membro effettivo di Alba. Dopo la morte di Sasori, Tobi recupera il suo anello e prende il suo posto, diventando il nuovo partner di Deidara:[145] i due in team catturano insieme il Sanbi,[146] il demone a tre code.

A differenza di tutti gli altri membri di Alba, seri e composti, Tobi è simile come carattere a Naruto Uzumaki, comico e con la testa fra le nuvole: questo suo comportamento irrita molto il suo compagno Deidara e spesso i litigi fra i due diventeranno nel manga vere e proprie scenette comiche; nonostante ciò, Tobi rispetta molto il partner arrivando a chiamarlo con il titolo onorifico di Deidara-senpai. Durante lo scontro fra Deidara e Sasuke,[147] Tobi viene trapassato dalla spada di quest'ultimo, senza però riportare alcun danno apparente: Tobi si affloscia a terra, ma si rialza subito dopo;[148] lo stesso accade successivamente quando viene colpito da un Rasengan di Naruto.[149] Sembra che Tobi conosca molto bene le tecniche di Deidara; quando questi infatti parla del suo C4 Tobi ne sembra terrorizzato soltanto all'idea.[150] Sempre in questo duello, Tobi nasconde le mine-bomba del gigantesco drago di argilla di Deidara sotto terra;[151] . Tobi si tiene poi in disparte per il resto dello scontro, rimanendo però coinvolto nell'esplosione derivante dal suicidio di Deidara.[152]

Ritroviamo Tobi nel capitolo successivo, sopravvissuto all'esplosione di Deidara, pare trasformato nel comportamento; Tobi afferma che il suo vero nome è Madara Uchiha, affermazione confermata dal fatto che dal buco della sua maschera s'intraveda lo Sharingan,[153] abilità innata esclusiva del clan Uchiha. La frase riportata all'inizio di questa sezione è fondamentale per comprendere la vera identità di Tobi; tuttavia essa ha generato parecchia confusione tra i fan, in quanto la frase si può tradurre con "Il vero potere dello Sharingan... il mio potere, il potere di Madara Uchiha!"; il dimostrativo kono, in questo caso, riferito ad un nome proprio, è tipico di una parlata arrogante e piena di sé ed indica che la persona che sta parlando è il soggetto della frase; Tobi in questo caso si sta quindi riferendo a se stesso come Madara Uchiha. Il nome "Madara Uchiha" era già stato nominato nel corso della conversazione fra Sasuke e la Volpe a Nove Code[154] avvenuta all'interno della mente di Naruto Uzumaki. Nel corso di un'altra conversazione, Jiraiya rivela che Madara è il fondatore del Clan Uchiha, cosa smentita in seguito da Madara stesso[155], e che in passato era stato sconfitto dal Primo Hokage presso la Valle della Fine, inoltre Jiraiya stesso ritiene che la Volpe a Nove Code sia stata evocata in questo mondo, contro Konoha, proprio da Madara.[156] Tobi riprenderà il suo carattere abituale quando si incontrerà con i ninja di Konoha, intenti a raggiungere Sasuke Uchiha, impegnato in uno scontro con suo fratello Itachi.[157] Proprio durante questo scontro Itachi rivelerà di aver avuto come maestro e complice nello sterminio del Clan Uchiha proprio Madara, il quale avrebbe scoperto ben due segreti dello Sharingan Ipnotico Eterno: il controllo della Volpe a Nove Code e il potere di non perdere la vista usandolo, trapiantandosi gli occhi di un altro membro del clan (in questo caso suo fratello).[158] Durante lo scontro Tobi affronta Naruto, che, dopo essere stato a lungo provocato dall'Uchiha, colpisce quest'ultimo con un Rasengan, ma egli non subisce alcun danno.[159]

Non si sa se gli altri membri dell'Organizzazione, oltre a Pain, Konan e Zetsu, siano a conoscenza di questa affermazione; tuttavia sembra di no, in quanto Zetsu afferma che Tobi era morto a causa dell' esplosione di Deidara; Pain, consapevole che non era così, afferma che il posto di Tobi potrebbe essere preso da un qualunque altro ninja.[160]. Successivamente Tobi va da Kisame e gli spiega tutto.

Richiamato da Zetsu dopo aver ricevuto la notizia che Itachi è morto e che Sasuke è in fin di vita, Tobi abbandona il combattimento con i ninja della foglia, ma prima di farlo, fa capire alla squadra di Kakashi che egli è in possesso dello Sharingan. La vera identità di Tobi sarà presto svelata in quanto, parlando con Sasuke, ha iniziato a togliersi la maschera. La porzione destra del volto (unica per ora intravista) mostra due rughe profonde sotto l'occhio destro. Appena mostra lo Sharingan al giovane Uchiha però, questi lo attacca involontariamente sprigionando l'Amaterasu dal suo occhio sinistro. Tobi, una volta liberatosi dalla tecnica, dichiara di essere Madara Uchiha ed è pronto a rivelare a Sasuke la storia di colui che ha rischiato tutto per salvare il mondo degli Shinobi, il villaggio della Foglia e soprattutto la vita di suo fratello, la storia di Itachi Uchiha. Comincia il racconto della verità tornando agli anni prima della fondazione del Villaggio della Foglia, quando i clan agivano ancora come organizzazioni separate di mercenari. A quel tempo due clan erano i più temuti e rispettati: il clan Uchiha e il clan Senju della foresta. Egli stesso, dopo aver sacrificato di quanto aveva di più caro per raggiungere lo Sharingan Ipnotico Eterno, si trovò a lottare molte volte con il clan Senju e soprattutto con il suo capo, Senju Hashirama, il futuro Primo Hokage, considerato dai ninja del suo tempo come il più forte shinobi del mondo. Gli Uchiha erano gli unici che potessero tener testa ai Senju, e il nome di Madara divenne sempre più famoso grazie al suo Sharingan, che aveva ottenuto per avere la forza necessaria per proteggere il suo clan dai nemici che aumentavano giorno dopo giorno. Dato che le dure battaglie avevano decimato le schiere dei due clan, i Senju proposero un trattato di pace con gli Uchiha, accettato di buon grado da tutti, tranne che da Madara, che lo vedeva come un insulto a suo fratello, che si era sacrificato per lui donandogli spontaneamente i suoi occhi; ma gli Uchiha volevano la tregua e come loro leader non poté far altro che accettare. Successivamente i due clan si allearono con il Paese del Fuoco, e fondarono il Villaggio della Foglia, ponendo così la base del sistema di un Villaggio per ogni Paese. In seguito anche gli altri villaggi e clan fecero lo stesso e così le guerre cominciarono a cessare; ma la disputa per la nomina di Hokage gettò Konoha nel caos. Come si sa la carica venne assegnata ad Hashirama, ed era ormai chiaro che gli Uchiha avrebbero perso la loro supremazia. Così Madara, per il bene del suo clan, si oppose al Primo Hokage. Nessun Uchiha lo seguì, pensando che fosse mosso solo dalla brama di potere e che volesse solo scatenare altre guerre. Tradito da tutti lasciò il Villaggio. Per la sua vendetta sfidò Konoha, ma fu sconfitto nel luogo chiamato Valle della Fine e creduto morto, fu dimenticato da tutti, persino dalla storia. Per evitare che qualche altro Uchiha si ribellasse, il fratello minore di Hashirama, il Secondo Hokage, in segno di fiducia diede al clan un posto di rilievo nel Villaggio, creando la Polizia Militare di Konoha. Qualche altro ribelle si accorse di quanto stava succedendo, ma era troppo tardi. Ormai il clan Uchiha non era altro che il subordinato dei Senju. Successivamente accadde qualcosa che distrusse completamente il clan: l'attacco della Volpe a Nove Code. Difatti solo gli Uchiha potevano controllare il Kyuubi, e gli anziani del Villaggio sospettarono qualcosa; ma fu un disastro naturale. Restarono sospettosi che il clan volesse ribellarsi e nonostante la disapprovazione del Terzo Hokage, lo misero sotto stretta sorveglianza da guardie speciali e lo emarginarono costringendo a far vivere i suoi membri ai margini del Villaggio, separandoli dal resto della popolazione. Ci furono i primi malumori e così i sospetti divennero realtà: il clan Uchiha complottò un colpo di stato per prendere il potere. In risposta a questa minaccia i consiglieri infiltrarono una spia all'interno del clan: Itachi. Poco prima della fatidica notte , Itachi incontrò "casualmente" Madara, che covava ancora rancore verso il suo clan. Ancora non sono chiari i rapporti che vi erano tra Itachi e l'ex Leader degli Uchiha, fatto sta che il giovane convinse Madara a diventare suo complice ed aiutarlo nello stermino del clan ed a non attaccare Konoha. Sono ancora sconosciute le modalità con cui Madara ha fondato l'Akatsuki, e il perché indossi la maschera. Dopo aver raccontato la tragica storia di Itachi a Sasuke, quest'ultimo fonda il "Team Taka" (ovvero "Squadra Falco"), che comprende il vecchio Team Hebi (ovvero "Squadra Serpente"), e, a quanto pare, il potente Tobi/Madara. Poco dopo Madara si presenta a Kisame togliendosi la maschera e lo spadaccino della nebbia lo riconosce come il Mizukage (il Kage del Villaggio Della Nebbia ).[161]. Dopo aver presieduto ad una tavola rotonda tra il Team Taka e Kisame, Madara dichiara ufficialmente che la squadra di Sasuke Uchiha entra a far parte dell'Akatsuki, assegnando a questi ultimi il compito di catturare la forza portante del demone ad otto code. Successivamente, Tobi si presenta al cospetto di Pain e Konan, intimando al Leader del Villaggio della Pioggia di partire verso Konoha e catturare la Forza Portante della Volpe a Nove Code.

Visualizza il profilo http://naruto-23-95.forumattivo.com

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum